innovazione inizia con una domandaCultura digitale In evidenza 

Come inizia l’innovazione? Con una domanda!

Hai necessità di innovare il tuo prodotto o servizio, ma non sai da dove cominciare?

Con questo articolo voglio dimostrarti come ognuno di noi, con un po’ di impegno e tanta pratica, può diventare un innovatore del proprio business.

In un mondo dove è estremamente difficile sostenere il  vantaggio competitivo che ci si è costruiti nel tempo, è importante innovare costantemente e far nascere nuove idee, prodotti e soluzioni. Inoltre l’innovazione va anche fatta con una certa velocità.

Advertisements

Ma da dove cominciare? Tutti sappiamo quanto sia importante avere una visione per migliorare ciò che facciamo. Qualsiasi cosa può essere migliorata: un prodotto, un comportamento, un processo, un servizio.

Hai una visione quando improvvisamente inizi vedere le cose diversamente. Vedi le cose in modo diverso solo quando inizi a guardare le cose ragionando fuori dagli schemi, in modo diverso da come hai sempre fatto. Si iniziano a guardare le cose in modo diverso, quando cerchi di rispondere ad una domanda diversa.  La maggior parte delle innovazioni e delle attività creative sono nate a partire da una domanda che qualcuno ha fatto.

Quindi i progetti innovativi iniziano così, con una domanda.

Sai come nasce l’ #innovazione? Con una visione e con una domanda. Condividi il Tweet

La domanda che farai è ciò che determina il tipo di risposte che potrai ottenere. Quindi, se farai cattive domande, potrai ottenere solo risposte negative. Se invece sarai in grado di fare buone domande, potresti ottenere buone risposte.

Tuttavia, se sei nelle condizioni di saper fare domande interessanti, allora otterrai risposte interessanti.

E, a mio parere, le risposte interessanti sono meglio delle buone risposte.

Per innovare ci sono diversi tipi di domande che puoi fare, proviamo a vederle insieme e i risultati non tarderanno ad arrivare.

Le domande per l’innovazione

innovazione quali domande#1 Domande “binarie”

Le domande “binarie” sono domande che suscitano risposte di tipo sì / no.

Questi tipi di domande sono perfette per chiarire una piccolo pezzetto di informazione o di pensiero.

Esempi di queste domande possono essere:

  • È questo il tuo libro?
  • Segui sempre questo processo?
  • Hai bisogno di ulteriori informazioni sui prodotti / servizi ?
  • Posso chiamarti domani?

#2 Domande “di avvio”

Queste sono domande che aiutano a ottenere una risposta che potrebbe potenzialmente iniziare una discussione.

In genere, queste le domande “di avvio” suscitano risposte che tendono ad essere fattuali. Esempi di questo tipo di domanda potrebbero essere:

  • Cosa fai per vivere?
  • Cosa significa questo?
  • Che cosa deve fare questo prodotto?
  • Qual è il processo per rivendicare le mie spese?
  • Qual è la nostra strategia?

#3 Domande “di approfondimento”

Queste sono domande che consentono di scavare più a fondo e chiarire qualcosa di più o ottenere ulteriori informazioni.

Le domande “di approfondimento” suscitano risposte che a volte sono fattuali e, talvolta, sono metafore che spiegano la realtà così com’è. Esempi di queste domande potrebbero essere:

  • Come si può risolvere questo problema?
  • Come si  fa ad implementare questa strategia?
  • Come si misura questo obiettivo?
  • Come si raggiungono i vostri obiettivi?
  • Come posso usare questo prodotto / servizio?
  • Come posso richiedere questo regalo?
  • Perché non lo facciamo in questo modo?
  • Perché non andiamo oltre questo segmento di clienti?
  • Perché non facciamo pubblicità?
  • Perché non usiamo il design thinking?

#4 Domande “che raccontano una storia”

Queste sono domande che ti potranno aiutare a scoprire motivazioni, intenzioni, atteggiamenti e comportamenti.

In genere, queste sono domande che suscitano risposte “che raccontano una storia” o raccontano le convinzioni. Esempi di queste domande possono essere:

  • Perché fai questo?
  • Perché lo fai in questo modo?
  • Perché vuoi risolvere questo problema?
  • Perché avere questo obiettivo / strategia / visione, ecc ?
  • Perché questo è importante?
  • Perché l’hai fatto in questo modo?

#5 Domande “esplorative”

Le domande “esplorative” consentono di esplorare o aprire possibilità e hanno necessità di molta fantasia per essere risolte.

Questo tipo di domande suscitano e stimolano pensieri creativi e idee nuove. Esempi  pratici di queste domande possono essere:

  • Che cosa succede se potessimo unire le caratteristiche del prodotto A con il prezzo del prodotto B?
  • Che cosa accadrebbe se smettessimo di fare queste attività?
  • Che cosa accadrebbe se iniziassimo a fare queste attività?
  • Che cosa accadrebbe se il nostro budget di marketing fosse tagliato del 70%?
  • Che cosa succede se i nostri maggiori concorrenti fossero acquisiti da Microsoft?

Come e quando utilizzare le domande per innovare

Se ci fai caso, ci sono alcune domande che creano nuove opzioni o aumentano l’orizzonte della conversazione / pensiero e ci sono alcuni tipi di domande che consentono di chiudere le opzioni o di concentrarsi su un certo argomento / idea.

Questa è la modalità creativa con cui lavorano le persone. In primo luogo utilizzano le domande che aiutano ad approfondire e creare più idee / opzioni per poi metterne a fuoco un certo numero. Il processo viene quindi ripetuto, fino a quando non viene trovato quello che si sta cercando.

Quindi per fare innovazione, si potrebbe di iniziare con una “conversazione di avvio“, seguire con una “conversazione di approfondimento” e quindi utilizzare domande (e relative risposte) “che raccontano una storia” per avere una comprensione più profonda. A questo punto si potrebbe scatenare la nostra “immaginazione” per introdurre e valutare le varie possibilità. Una volta che avremo abbastanza idee / possibilità, si potrebbe utilizzare una ulteriore “conversazione di approfondimento” per esplorare i dettagli e infine chiudere con una “conversazione binaria“.

Coltivare una “Designers Mindset”

innovazione designers mindsetDesigners Mindset” significa avere la mentalità dei designer e dei progettisti. Bisogna capire e cercare di applicare le modalità con cui essi pensano, divergono e convergono i loro pensieri e come continuano a farlo fino a quando non sono soddisfatti dell’esito del loro esercizio.

Quindi, al fine di creare soluzioni o idee interessanti, è necessario essere in grado di alternare il tipo di domande che vengono fatte a se stessi o agli altri.

L’innovazione è una abilità

Innovare tramite le domande è una abilità, e come ogni abilità si può ottenere il massimo solo con la pratica.

Quindi, perchè non inizi subito?

Che domande vorresti fare a te stesso o al tuo gruppo di lavoro?

Se pensi che queste domande possano essere utili anche ad altri, condividi l’articolo tramite i bottoni sottostanti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Subscribe  
Notificami

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere gli articoli via e-mail.

Con l'iscrizione i tuoi dati personali saranno utilizzati esclusivamente per l'invio della newsletter con le modalità indicate nell'informativa sul trattamento dei dati personali (ex art. 130)
Nome
Cognome (opzionale)
Email