intelligenza artificiale nei dispositivi mobili

Perché l’intelligenza artificiale entrerà nei dispositivi mobili

I dispositivi mobili alimentati con intelligenza artificiale (IA) ormai non sono più un “se”, ma piuttosto un “quando”. Senza l’intelligenza artificiale, la crescente complessità dei nostri dispositivi diventerà schiacciante.

Nei prossimi due o tre anni, vedremo un’enfasi sull’intelligenza artificiale nei dispositivi mobili, anche oltre i primi esempi di oggi. Questo accadrà perché le attività e le interfacce stanno diventando così complesse che gli utenti impiegheranno troppo tempo a cercare di ottenere app/informazioni necessarie per essere produttivi.

L’intelligenza artificiale sarà un viaggio che richiederà diversi anni per essere completato. Nella fase iniziale, abbiamo alcuni assistenti vocali (ad es. Amazon Alexa, Siri, Google Assistant, Cortana) in grado di muoversi in un insieme limitato di attività. In futuro (tra tre o quattro anni), con nuovi e più potenti componenti di Intelligenza Artificiale su ogni dispositivo, passeremo a un’IA più ampia in cui il dispositivo non solo può analizzare alcuni semplici comandi, ma può effettivamente apprendere cosa facciamo, cosa desideriamo e cosa facciamo, fornendo i suggerimenti appropriati per migliorare la nostra esperienza complessiva.

Nella fase finale, probabilmente vedremo un’interfaccia utente altamente dinamica e semplice basata sulla conoscenza dell’IA di ciò che dobbiamo realizzare in un dato momento e in una data circostanza, ma questo accadrà probabilmente tra almeno cinque/sette anni.

AI è la prossima fase di sviluppo dell’interfaccia utente

Gli attuali assistenti a comando vocale non sono realmente AI, ma sono tabelle di ricerca automatizzate a comando vocale che restituiscono risultati pre-programmati. Hanno funzionalità molto rudimentali: i servizi cloud monitorano ciò che abbiamo fatto in passato e lo eseguono cercando all’interno di un albero di possibili azioni, come un motore di ricerca avanzato. Questo è un approccio programmato, ma non si tratta veramente di AI.

Imparare ciò che facciamo personalmente, invece di confrontarci con la maggior parte degli utenti, e quindi scegliere un flusso di lavoro suggerito, sposterà l’ago in modo drammatico. Monitorare e conoscere continuamente noi consentirà ai nostri dispositivi di diventare i nostri alter ego, sapendo precisamente cosa vogliamo in base a preferenze specifiche e condizioni attuali.

Dispositivi mobili basati sulle IA del futuro

Cosa significa tutto questo? I dispositivi mobili dotati da intelligenza artificiale ​​in futuro forniranno diversi vantaggi.

Innanzitutto, diventeranno molto più sicuri. Man mano che apprendono su di noi, saranno in grado di capire se stiamo usando il dispositivo o se lo sta facendo qualcun altro. Ciò impedirà il furto di credenziali e permetterà a qualcuno di utilizzare o manomettere i nostri dispositivi. E ci permetterà di eliminare le password per tutti i siti a cui accediamo, rendendo la vita molto più facile.

Quindi, la vera IA ci consentirà di gestire effettivamente tutte quelle decine di app che scarichiamo, ottenendo come risultato il fatto di avere dispositivi con potenza e memoria sempre più computazionali. In definitiva, le varie e diverse interfacce utente attraverso le app diventeranno invisibili mentre il sistema AI si interfaccia in modo trasparente con le app per noi. Sulla base di ciò che abbiamo fatto e di ciò che vogliamo fare, il dispositivo selezionerà la prossima app, gestire i dati necessari e magari interagire con una serie di app. Non è più necessario aprire una varietà di app per fare le cose.

Infine, poiché la IA capisce veramente i nostri bisogni, può effettivamente renderci più sicuri monitorando il nostro utilizzo e determinando se c’è qualcosa che ci fa apparire malati o sotto stress, e se saranno necessarie alcune azioni. Con tutta una serie di sensori e monitor collegati al nostro dispositivo mobile, che diventa essenzialmente il nostro edge server personale, le funzionalità di IA forniranno enormi quantità di dati da analizzare a nostro vantaggio e poter reagire ai problemi molto più rapidamente di quanto possiamo fare manualmente.

APPROFONDIMENTO: L’edge computing è un’architettura IT distribuita e aperta con potenza di elaborazione decentralizzata, predisposta per le tecnologie di mobile computing e Internet of Things (IoT). Nell’edge computing, i dati sono elaborati dal dispositivo stesso o da un computer o server locale, invece di essere trasmessi al data center.

I dispositivi basati sulla vera intelligenza artificiale non sono così lontani

Sebbene la maggior parte di queste parole sia altamente futuristica, non è poi così lontana.

Apple, Samsung, Qualcomm, Google, Huawei e altri hanno già iniziato questo percorso a livello di chip, sistema operativo e dispositivo. I sottosistemi specializzati per l’IA miglioreranno nei prossimi 1-2 anni e si trasformeranno grazie ad una capacità che sarà molto più potente.

Ci saranno alcuni contrattempi lungo la strada, ma probabilmente nei prossimi tre-cinque anni, praticamente tutti noi porteremo in giro un dispositivo mobile che sfrutta a piena potenza la tecnologia AI, anche se comincerà dalla parte più alta del mercato dei dispositivi prima di arrivare finalmente a dispositivi di livello medio-basso. Di conseguenza, il nostro tipico utilizzo dei dispositivi, i tipi di app che abbiamo e la varietà di interazioni tra noi e i nostri dispositivi cambieranno drasticamente. L’intelligenza artificiale porterà un ambiente di interazione sempre più complesso verso qualcosa che sarà molto più gestibile. E questa sarà un’ottima cosa.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto