internet delle cose sta creando le smart cities di domani

L'Internet delle cose sta creando le Smart Cities di domani

Si stima che milioni di nuovi dispositivi si connettono a Internet ogni secondo. Si prevede che la base installata dell’Internet of Things (IoT) cresca tra 25-30 miliardi di dispositivi entro il 2020. Inoltre le previsioni dono che la spesa per l’economia IoT raggiungerà trilioni di dollari nei prossimi dieci o più anni.
In questo contesto, le Smart Cities di domani stanno prendendo forma. Tutto questo accade anche grazie ai dispositivi presenti in case e aziende, e dei dati che essi creano per migliorare la qualità della vita delle persone che vivono e lavorano al loro interno.
Si prevede che la domanda di soluzioni smart city raggiungerà 2,57 miliardi di dollari nel 2025 in tutto il mondo, guidate da fattori quali la crescita delle popolazioni urbane, la necessità di gestire meglio le risorse naturali limitate e una maggiore attenzione alla sostenibilità ambientale.
Ellen Hwang è la Smart City Director/Assistant Director di Strategic Initiatives per la città di Filadelfia (la città più grande della Pennsylvania e sesta città per popolazione degli Stati Uniti d’America), e fa parte del team della città incaricato di gestire la sua infrastruttura tecnologica, pianificazione e politica. In questo ruolo, è responsabile della governance, della politica, dello sviluppo del programma e dello sviluppo delle capacità di Filadelfia.
La città ha compiuto incredibili progressi nel modo in cui sfrutta e fa avanzare la tecnologia, ricevendo persino una sovvenzione “smart city readiness” dal Consiglio delle città intelligenti nel 2017. La sovvenzione includeva un sostegno finanziario da parte del Consiglio per ospitare un evento per lo sviluppo di una roadmap per l’applicazione di tecnologie intelligenti.
Gran parte di questo è attribuibile a Hwang e alla sua leadership nella creazione e attuazione della roadmap tecnologica della città. Il suo obiettivo è meno sulle tecnologie finali e più sulla valutazione di come la tecnologia può migliorare la vita dei residenti, supportare lo sviluppo economico e promuovere altri scopi civici. Nel corso degli anni, le tecnologie innovative sono state applicate in vari modi, dalla sicurezza pubblica ai trasporti, dall’efficienza energetica fino al superamento del divario digitale in città.
È interessante notare che Hwang ha detto che inizialmente non si vedeva nell’utilizzo di tecnologie diverse dalla posta elettronica. Fin dalla tenera età, ha visto se stessa connettersi con le persone e inventare nuove idee, ma in modalità a “bassa tecnologia” come la lavagna o con l’intervista di persone dal vivo o al telefono.
Allo stesso modo, il suo percorso per lavorare a Filadelfia non è stato esattamente pianificato, ma ha amato la città sin da quando era una bambina. Sapeva sempre dove sarebbe stata, ma non quello che avrebbe fatto.
Dopo essersi laureata alla Temple University, ha trascorso un anno sabbatico a studiare per il Law School Admission Test (LSAT). Quell’esperienza e alcuni network locali durante quell’anno la condussero a scuola di urbanistica invece che proseguire con una carriera legale. Mentre era lì, ha lavorato in un’organizzazione non profit per lo sviluppo della comunità e in seguito ha seguito la transizione nel governo della città, in una posizione chiamata “innovazione municipale”.
Hwang ha spiegato che il suo lavoro comporta sia competenze soft che tecniche. Tecnicamente, Hwang ha bisogno di una profonda conoscenza dei dati: come elaborare strategie relative ai dati, discernere i buoni dati e come costruire l’infrastruttura di servizio verso una soluzione più ampia. Oltre alle capacità tecniche, deve progettare soluzioni con una comprensione delle persone che serviranno, creare obiettivi più ampi e umani per il suo dipartimento e utilizzare la tecnologia in modo pratico, e non solo per il gusto di utilizzarla. Inoltre deve presentare le soluzioni identificate a un ampio pubblico di responsabili politici e cittadini prima di implementarle concretamente.
Come disciplina, Hwang afferma che i professionisti della Smart City sono addestrati alla pianificazione urbana. L’obiettivo è integrare senza problemi la tecnologia negli aspetti quotidiani di una città e assicurare che tutti i sistemi si uniscano. Si deve considerare come la tecnologia e l’innovazione coesistano mentre si comprendono le barriere reali.
Spiega che le Smart Cities sono un’opportunità per essere strategici. Una Smart City è fatta da molte cose, oltre ai sensori e all’IoT. È un’apertura per interagire in un mondo più ampio e creare una visione su come la tecnologia può risolvere e raggiungere gli obiettivi per conto di una municipalità. Ciò comporta obiettivi più ampi e correlati all’uomo che in definitiva sono più importanti del semplice uso della tecnologia.
Hwang attribuisce il suo successo a un’innata capacità di navigare all’interno della complessità delle persone, del luogo e del processo. Dice che lei è naturalmente un “pensatore di sistemi” che ama esplorare e capire come tutto si connette. Questo si allinea bene con il suo lavoro in cui deve rappresentare una vasta gamma di diversi soggetti interessati, ognuno con le sue esigenze e interessi unici. In questo mix, deve anche considerare le opportunità e i vincoli fisici di una grande città americana come Filadelfia.
Hwang afferma che progettare una Smart City è divertente perché integra tante aree tecniche di competenza: infrastruttura e sistemi di dati, pianificazione della rete e delle comunicazioni, trasporto e mobilità, assistenza sanitaria e molto altro ancora.
La posizione Hwang è che il governo municipale sia per tutti, e la Smart City è uno spazio affascinante e incredibilmente eccitante che lega gli interessi e le competenze di tutti i tipi di persone. In definitiva, si tratta di risolvere i problemi nelle sfide quotidiane e di sfruttare la tecnologia per affrontare queste sfide.
Hwang crede inoltre che un maggior numero di donne dovrebbe far parte di questo spazio tecnologico perché c’è una comprensione condivisa che “fallire” è una parte dell’essere nel settore dell’innovazione. Crede anche che la presenza di più donne possa meglio accogliere l’idea che “fallire” non sia necessariamente un male e che bisogna avere fiducia in chi siamo nonostante i nostri fallimenti. Piuttosto che cercare la perfezione, le donne dovrebbero sforzarsi di diventare dei veri leader che non hanno paura di difendere le idee e le soluzioni in cui credono.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto