le smart cities sono composte da persone intelligenti non da cose intelligenti

Le Smart Cities sono composte da persone intelligenti, non da cose intelligenti

Nonostante il recente aumento di popolarità, le città intelligenti non sono certo una novità. Di fatto, le loro origini risalgono a cento anni fa, dalle opere dell’urbanista Le Corbusier dell’inizio del XX secolo, che ha descritto la casa come una “macchina in cui vivere”.
Oggi i progressi delle tecnologie vanno dai sensori ai big data, dalla banda larga all’intelligenza artificiale, e stanno facendo diventare le città intelligenti una realtà. Ci sono già diversi esempi di smart cities costruite da zero e un numero crescente di città degli Stati Uniti si sta muovendo per aumentare la propria infrastruttura esistente con tecnologie intelligenti. Ad esempio, i Sidewalk Labs di Alphabet (società madre di Google) hanno recentemente rivelato i dettagli per costruire quella che è probabilmente la città più avanzata al mondo nel distretto di Quayside a Toronto. Anche la Conferenza dei Sindaci degli Stati Uniti (USCM) ha recentemente lanciato un nuovo istituto per le città intelligenti in collaborazione con la New York University per far avanzare la discussione su come la tecnologia possa accelerare il progresso urbano. “La spinta a rendere le città intelligenti consiste nello sfruttare i dati e la tecnologia digitale per affrontare la sfida di fare di più con meno”, ha detto l’ex presidente USCM e Columbia, il sindaco di SC Stephen Benjamin quando ha annunciato il nuovo istituto. In effetti, non vi è dubbio che le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ITC) e l’Internet delle cose (IOT) possano migliorare notevolmente l’efficienza, la connessione e la convenienza delle nostre città.
Eppure, in mezzo all’entusiasmo per le città intelligenti, l’elemento più importante di qualsiasi città viene dimenticato: i cittadini stessi.

“Se l’essenza dello sviluppo urbano è l’azione individuale, allora una città non può che essere intelligente quanto i suoi cittadini” (Michael Batty, Professore di pianificazione presso l’University College di Londra)

La proposta dei Sidewalk Labs, ad esempio, è stata ampiamente criticata per la sua mancanza di attenzione alla privacy degli utenti nelle fasi di partecipazione dei cittadini. Sì, le tecnologie smart city hanno lo scopo di migliorare la vita dei cittadini, ma il vero miglioramento inizia con il miglioramento delle persone, non solo dei luoghi in cui vivono. La città intelligente del futuro tecnologicamente abilitata avrà poche speranze di prosperità se le persone che la abitano non saranno intelligenti. Ad un livello base, le tecnologie intelligenti faranno ben poco per sbloccare il valore economico e sociale se stanno servendo un popolo mal equipaggiato per sfruttare le efficienze e le opportunità che esse creano. Rende anche i cittadini premurosi ad interpretare correttamente i dati prodotti dai dispositivi intelligenti, per sapere quando è meglio fare affidamento su sistemi automatici e quando riaffermare la propria capacità di scelta personale. In effetti, il successo delle città dipende molto dalla capacità (di singoli cittadini, gruppi di cittadini e attori aziendali) di interagire in modo intelligente tra loro e con l’ambiente in cui vivono. Come scrive l’urbanista della University College London Michael Batty in Inventing Future Cities, “I tipi di automazione che attualmente caratterizzano la smart city sono intelligenti nella misura in cui noi stessi li usiamo in modo intelligente.”
Ci sono una serie di studi che suggeriscono che l’investimento nel capitale umano durante la creazione di città economicamente vivaci è stato altrettanto (se non più) importante della tecnologia. Gli studi di Edward Glaeser di Harvard e di Albert Saiz del MIT, ad esempio, hanno dimostrato che l’istruzione è il motore più affidabile della crescita urbana, dopo il clima di una città. “L’unico modo migliore per creare una città intelligente”, scrive Glaeser nel suo libro Triumph of the City, “è creare scuole che attraggano e mantengano persone capaci”. I leader della città devono lavorare per accoppiare gli investimenti nello sviluppo di strade più intelligenti, ferrovie e servizi pubblici con investimenti nello sviluppo di cittadini intelligenti e innovativi. Questo investimento educativo non può essere limitato alle discipline STEM, ma deve includere anche una versione più rilevante delle discipline umanistiche e una buona dose di arte se spera di coltivare cittadini capaci di capirsi e di esercitare la loro creatività per migliorare la società.
I leader della città devono anche riconoscere che la tecnologia dovrebbe essere utilizzata per connettere gli esseri umani e non solo i dispositivi, e che questa infrastruttura soft (ad es. sistema educativo) è tanto importante quanto la sua infrastruttura hardware. Prendiamo in prestito una frase di Carlo Ratti e Matthew Claudei del MIT in The City of Tomorrow: Sensors, Networks, Hacker e Future of Urban Life: “Un sistema di traffico per auto autonome potrebbe essere ottimizzato per il massimo rendimento, o per la massima condivisione all’interno dei social network o per garantire la massima novità e sorpresa”. Quindi ciò che scegli è influenzato da ciò che stai cercando di ottimizzare, dal movimento delle auto o dal benessere delle persone.
I funzionari che apprezzano queste distinzioni farebbero bene ad ampliare la loro comprensione di ciò che rende davvero smart una città intelligente. Ratti e i suoi colleghi del Senseable City Lab del MIT, ad esempio, preferiscono usare il termine città sensibili rispetto al termine città intelligenti. Le città sensibili sono incentrate sull’uomo e non interamente pianificate, lasciando spazio all’adattamento e all’esplorazione. Rispondono alle esigenze umane in tempo reale integrando sistemi e cittadini, reti digitali e fisiche, innovazioni infrastrutturali e sociali.
Per coloro che sono determinati a usare il termine città intelligenti, Boyd Cohen della EADA Business School di Barcellona offre una definizione più olistica. “Il movimento delle città intelligenti, nel suo nucleo”, scrive in The Emergence of the Urban Entrepreneur, “parla di come le città possono abbracciare l’innovazione in tutto ciò che fanno”. Non è, come ha definito l’USCM, “tutto su come sfruttare i dati e la tecnologia digitale”, ma piuttosto (di nuovo citare Cohen), si tratta di definire un “più innovativo ed efficiente uso dei fondi pubblici, più innovativo nella loro disponibilità a sperimentare, più innovativo nel sostenere la co-creazione dei cittadini … e più innovativo nel loro sostegno agli ecosistemi imprenditoriali urbani “. La città intelligente di Cohen è altrettanto interessata allo sviluppo di persone e aziende intelligenti quanto allo sviluppo di tecnologie intelligenti. Il suo obiettivo non è solo saturare le città con sensori, ma investire nel capitale umano per saturare i cittadini con opportunità e garantire a tutti la possibilità di partecipare alla creazione del futuro della loro città.
Questo elemento di co-creazione e di realizzazione del lavoro partecipativo è importante nel lavoro di Cohen e Ratti, i quali, insieme al teorico pionieristico urbano Jane Jacobs, vedono il futuro delle città essere determinato dalle persone piuttosto che dalla tecnologia. “Le città”, ha scritto Jacobs nella sua opera The Death and Life of Great American Cities, “hanno la capacità di fornire qualcosa per tutti, solo perché e solo quando, sono create da tutti “. In primo piano, gli investimenti governativi nella tecnologia possono generare un enorme valore, ma nulla può sostituire il potere ascendente dei cittadini e delle imprese che hanno la capacità di creare e co-creare la città che tutti chiamano casa.
Non c’è dubbio che le tecnologie emergenti possono contribuire a rendere le nostre vite più efficienti, più produttive e più convenienti. ICT e IoT stanno già trasformando le città di tutto il mondo in reti iper-connesse e onnipresenti che saranno in grado di ottimizzare tutto, dai nostri spostamenti al consumo energetico. Tuttavia, queste tecnologie non possono da sole creare una cittadinanza più innovativa, istruita, di talento, resiliente e dotata di poteri. Le cose intelligenti non possono sostituire le persone intelligenti. Se i leader della città sperano di vedere un ritorno sui loro investimenti in città intelligenti e realizzare la promessa della vita urbana, devono anche investire nel coltivare cittadini in grado di massimizzare le opportunità che la città di domani potrà portare. Le infrastrutture intelligenti possono contribuire a facilitare la creazione di valore, ma le persone saranno ancora (e sempre più) protagoniste nell’ambiente urbano.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto