puppy-linux-soluzione-recupero-vecchio-pcTutorial 

Puppy Linux: una soluzione per recuperare il vecchio PC

Puppy Linux è la soluzione ideale per dare nuova linfa ad un personal computer molto obsoleto. Molto spesso, a casa o in ufficio, conserviamo vecchi computer funzionanti ma inutilizzabili, a causa dell’evolversi dei sistemi operativi e dei software applicativi di nostro interesse. Altre volte, l’inutilizzabilità dei computer è dovuta all’obsolescenza programmata, impostata dai produttori di computer e periferiche.

Prima del recupero di un vecchio computer, ci sono alcuni effetti collaterali da tenere in considerazione, quali ad esempio:

  • bisogna mettere in preventivo l’esistenza di costi economici (ad esempio se decidete di cambiare l’hard disk o potenziare la RAM)
  • bisogna considerare che si potranno avere costi in termini di usabilità (nel caso in cui ci sia necessità di passare da un sistema operativa ad un altro)

Per quel che riguarda l’usabilità bisogna tener conto dei seguenti fattori:

  • se si decide di cambiare sistema operativo, bisogna mettere in preventivo che dovremo affrontare un periodo (solitamente non molto lungo) per abituarci alla nuova interfaccia grafica o ai nuovi comandi. Inoltre se non si è confidenti di essere in grado di trovare, scaricare ed installare il nuovo sistema operativo bisogna trovare qualcuno che lo fa per noi o imparare tramite un guida (tipicamente scaricabile da internet).
  • i programmi applicativi disponibili con il nuovo sistema operativo probabilmente non saranno gli stessi del vecchio. Sicuramente i programmi basilari per un utilizzo personale (posta elettronica, visualizzazione di video o fotografie, browser web) saranno però disponibili e – seppur non con la stessa interfaccia – sarà possibile ottenere le stesse finalità.

Un esempio pratico di recupero di un vecchio pc con Puppy Linux

Nel 2009 ho acquistato un netbook con 512mb di RAM e 8 GB di unità SSD. Il mio vecchio computer era oramai inutilizzato da anni, e il sistema operativo di base (Windows) oramai non più supportato.

La soluzione che ho scelto di utilizzare per il recupero, è stata quella di installare Puppy Linux, una distribuzione creata nel 2003 ma – seppur destinata a utenti di poche pretese – ancora attuale.

Puppy Linux fa un uso limitato di risorse di sistema ed il suo utilizzo è davvero molto semplice.

Pur’essendo molto piccola (occupa circa 200 Mb di spazio), è una distribuzione Linux abbastanza completa, perfetta da usare in modalità live o installata direttamente sull’hard disk.

La peculiarità di questa distribuzione è che – una volta attivata – Puppy Linux lavora solo in RAM, motivo per cui tutte le applicazioni sono davvero veloci da avviare ed utilizzare.

Se volete fare come me e provare a riutilizzare un vecchio pc, qui potete trovare tutte le istruzioni per il download di Puppy Linux e per l’installazione.

Articoli correlati

Lascia un commento

Contribuisci per primo!

Rispondi

wpDiscuz

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere gli articoli via e-mail.

Con l'iscrizione i tuoi dati personali saranno utilizzati esclusivamente per l'invio della newsletter con le modalità indicate nell'informativa sul trattamento dei dati personali (ex art. 130)
Nome
Cognome (opzionale)
Email